La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo. – Jimi Hendrix –

Archivio per ottobre, 2015

MTV EMA 2015: Milano capitale della musica per una notte.

MTV EMA L'ITALIA TRIONFA

L’Italia trionfa agli European Mtv Awards con Marco Mengoni, vincitore del BEST WORLDWIDE ACT EUROPE. E non solo: la bandiera tricolore, viene rappresentata anche da uno dei cantanti italiani più attesi della serata: Andrea Bocelli.

MTV EMA L'ITALIA TRIONFA

Qui di seguito tutti i vincitori ed una piccola telecronaca della serata musicale più attesa dell’anno…

EMA 2015 AND THE WINNERS ARE…

BEST PERFRORMANCE: ED SHEERAN

WORLDWIDE ACT EUROPE:

 ITALIAN – MARCO  MENGONI

AUSTRALIA / NEW ZELAND – 5 SECONDS OF SUMMER

LATIN AMERICA – ANITTA

NORTH AMERICA – JUSTIN BIEBER

AFRICA / INDIA – DIAMOND

BEST VIDEO VISIONARY: DURAN DURAN

BEST SONG: BAD BLOOD DI TAYLOR SWIFT E KENDRICK LAMAR

BEST POP: ONE DIRECTION

BEST FEMALE: RIHANNA

BEST MALE: JUSTIN BIEBER

BEST LIVE: ED SHEERAN

BEST WORLD STAGE: ED SHEERAN

BEST NEW: SHAWN MENDES

BEST ROCK: COLDPLAY

BEST ALTERNATIVE: LANA DEL REY

BEST HIP-HOP: NICKI MINAJ

BEST ELECTRONIC: MARTIN GARRIX

BEST LOOK: JUSTIN BIEBER

BEST COLLABORATION: JUSTIN BIEBER, SKRILLEX E DIPLO CON WHERE ARE YOU NOW

BEST PUSH: SHAWN MENDES

BEST WORLD STAGE: ED SHEERAN

BIGGEST FAN: JUSTIN BIEBER

BEST VIDEO: MACKLEMORE E RYAN LEWIS

Piccola telecronaca minuto per minuto… Un susseguirsi di emozioni: non c’è tempo per metabolizzarle tutte… esibizioni live, premiazioni, pubblico in delirio diviso tra quello del Forum di Assago e quello in Piazza del Duomo.

Milano, Mediolanum Forum di Assago.

Nonostante il red carpet si sia aperto alle 20:00 di domenica 25 ottobre, sabato 24 i Duran Duran, Marco Mengoni, Ellie Goulding, a Piazza del Duomo, hanno dato inizio alla manifestazione più prestigiosa di MTV: gli EMA.

Ma torniamo a domenica…

Dal red carpet meneghino, tra una stella internazionale e l’altra, vengono annunciati i primi due premiati: BEST ALTERNATIVE – LANA DEL REY e BEST ROCK – COLDPLAY.

Intanto a piazza del Duomo per si balla con The Specials, che si sono alternati per tutta la serata con grandi artisti quali: 21 Pilots, Shawn Mendes, Afro Jack.

Ore 21:00 – Chiuso il red carpet, si aprono ufficialmente gli EMA 2015, con i padroni di casa Ed Sheeran e Ruby Rose.

Si rompe subito il ghiaccio con Maclemore e Ryan Lewis in gara per le best performance live, che con la loro “Downt Town”, si aggiudicano il BEST VIDEO. (In gara per la performance live anche Jason Derulo, 21 Pilots, Justin Bieber, Tori Kelly, Andrea Bocelli, Kelly ft. Bocelli, Pharrell Williams, James Bay, Ellie Goulding, Jess Glynne ed Ed Sheeran ft. Rudimental).

E’ il momento di Jason Derulo e poi continuano le premiazioni:

best italian marco mengoni

BEST MALE – JUSTIN BIEBER, BEST ITALIAN – MARCO MENGONI che ringrazia i suoi fans tramite un video. Grande soddisfazione per il Bel Paese, che tra le tante cose, tra cui l’arte e il cibo, può vantarsi anche della musica italiana nel mondo.

Ma adesso mettete gli occhiali, perché da uno scintillante diamante sta per uscire Ellie Goulding, che si esibisce con “Love Me Like You Do”, colonna sonora del colossal “50 sfumature di grigio”.

Ancora un altro po’ di premi…

BEST POP – ONE DIRECTION, BEST AUSTRALIA / NEW ZELAND – 5 SECONDS OF SUMMER, BEST HIP HOP – NICKI MINAJ.

E dopo i ringraziamenti degli artisti sopracitati tocca a Ed Sheeran ed i Rudimental esibisri, in un feauturing davvero forte!

Ancora carichi di energia per questa esibizione, assistiamo all’annuncio del BEST  LATIN AMERICA, toccato ad ANITTA.

Sale poi sul palco Justin Bieber, in gara per le live performance. Anche se non è lui a giudicarsi questo premio, non importa, sono suoi: il BEST ACT NORTH AMERICA, BEST MALE, BEST LOOK e BEST COLLABORATION con Skillex e Duple per la loro “Where are you now?”.

Ma attenzione! Il presentatore, nonché artista in gara, Sheeran, si aggiudica il prremio MTV in partnership con Guitar Hero Live come BEST LIVE ACT. Anche Diamond si porta a casa il BEST ACT AFRICA e per essere parte integrante della storia della musica, avere ispirato diversi cantanti e band ed essere entrati nel cuore di mezzo globo ed anche più è dei Duran Duran il BEST VISIONARY AWARD.

Alla leggenda della musica seguono il suo presente e futuro: Jess Glynne, che con l’eleganza che la contraddistingue, canta un madley di “My Love”, “Hold My Hand” e “Don’t Be So Hard On Yourself” e James Bay, il ragazzo col cappello di “Hold Back The River”. Canta e suona distruggendo completamente l’apparente velo di timidezza che sembra circondarlo.

E adesso… chi sarà il BEST NEW ACT? SHAWN MENDES. E la BEST FEMALE? RIHANNA, mentre GARRIX si aggiudica il BEST ELECTRONIC.

Un po’ di musica con Tori Kelly, interessante scoperta: coinvolgente e con un’ottima presenza scenica.

bocelli e kelly

Ma adesso silenzio…. E’ il momento di Andrea Bocelli, orgoglio italiano, una delle voci più belle nel panorama della lirica, nonché in quello internazionale. Mai prima di questo momento il pubblico degli EMA è stato così preso dalla performance di un cantante – e che cantante! – . Ha emozionato tutti con la sua “Con te partirò”, facendo vibrare le corde del cuore degli ascoltatori.

Ma Andrea Bocelli non smette di stupire e deliziare il pubblico. Ora siede al piano e suona le prime note di “Just Give Me A Reason” di Pink e Nate Russ, leader dei Fun. Riecco Tori Kelly… ed è il principio di un indescrivibile duetto che ha lasciato tutti a bocca aperta.

E adesso ancora sotto l’effetto dell’estasi musicale, del maestro Bocelli, scopriamo gli altri vincitori: BEST ACT ASIA – JANE ZHANG.

L’ora X è arrivata: è il momento di salutarci e concludere così l’evento musicale che Milano aspettava sin dall’anno scorso, quando Nicki Minaj annunciò a Glasgow la nuova sede degli MTV EMA.  E quale modo migliore di chiudere se non dove tutto è iniziato, ovvero a Piazza Duomo? A salutarci con “Freedom” c’è Pharrell Williams, seguito da Ruby ed Ed in diretta dal Mediolanum Forum.

Con ancora in testa il motivetto di Pharrell, si spengono le luci. Ed anche per quest’anno è fatta. Eccitati ed emozionati, con le immagini della serata appena trascorsa che scorrono sullo schermo, vediamo in the end solo questo… : una scritta che dice

MTV EMA 2016 See you in Rotterdam, The Netherlands.

Annunci

SHARI NOIOSO: IL FUTURO DELLA MUSICA INTERNAZIONALE


Shari Noioso

Shari Noioso

Shari Noioso, dodici anni originaria di Udine, sabato 10 ottobre, ha decisamente dimostrato al pubblico di Tu si Que Vales, ai giudici (Maria De Filippi, Rudy Zerby,  Gerry Scotti, Mara Venier) ed all’Italia tutta che dietro l’aria timida di una quasi tredicenne, che suona e canta il pianoforte, si nasconde molto probabilmente il futuro della musica internazionale.  Shari, ancor prima di cantare, ha suscitato l’attenzione dei giudici, solamente citando il titolo della cover che sarebbe andata a cantare… : “The sound of silcence”, di Simon e Garfunkel. Naturale, dato il fatto che si pensa che i grandi pezzi che hanno fatto la storia della musica, e perciò alquanto datati, non vengano neanche considerati dai giovani. Inoltre ha arrangiato il pezzo da sola. Shari ha dimostrato una grandissima sensibilità artistica, attribuibile di solito ai famosi cantanti navigati. La sua voce particolarissima, che grazie al suo timbro inconfondibile, la rende unica al mondo, ha stupito tutti, trasformandola semplicemente in una cantante.

<<Io non so cosa farai da grande, però per favore continua a cantare. Ti dico grazie>>, dice il temibile Rudy Zerby, che su Twitter ha scritto: Shari, un’emozione grandissima. Grazie.

Il mondo della musica ha bisogno di voci come quella di Shari, che ricorda un po’ per la sua storia Birdy, altro giovanissimo talento senza tempo. Entrambe infatti hanno partecipato all’età di dodici anni ad un talent, cantando e suonando il pianoforte, con la capacità di lasciare senza parole il pubblico in studio e da casa. (Birdy  vinse, ma naturalmente Tu si Que Vales è appena cominciato…).

Nonostante l’anagrafe, ci troviamo di fronte ad un più unico che raro caso di Talento: grande voce, grande musicista. Si spera solo che le case discografiche non rimangano “dormienti” davanti a questa realtà, come spesso accade ed è accaduto in passato…

Shari Noioso

Shari Noioso


Stella di Youtube muore a 13 anni – R.I.P. Baked Potato –

Caleb Logan

Caleb Logan

                 Caleb Logan Bratayley

Caleb Logan, primogenito della famiglia “Bratayley”, ( così si fanno chiamare sul tubo catodico di Internet), è morto improvvisamente a soli 13 anni, lo scorso 1 ottobre, nella sua casa in Maryland. Era affetto da una malattia sconosciuta, che alle 07:08 se lo è portato via.

Sconvolgente il modo in cui in pochissime ore la rete si è riempita di numerosi video in memoria del piccolo Caleb, conosciutissimo e amatissimo da buona parte degli utenti di tutto il mondo, per via dei suoi video che lo ritraggono assieme alla famiglia… Dalla quotidianità della loro casa, alle uscite di famiglia, alle famose “challenges”, ovvero sfide, lanciate alle due sorelline, Haley (7) e Annie (11).

Questo è l’annuncio che la famiglia ha dato sul loro canale YouTube:

1 Ottobre alle 07:08 Caleb Logan Bratayley è scomparso per cause naturali. E’ stato uno shock per tutti noi. Le parole non possono descrivere quanto ci mancherà. La sua indole incredibilmente divertente, lo spirito amorevole e meraviglioso ci ha reso tutti fieri di lui come YouTuber, amico, fratello e figlio. Sappiamo che voi utenti guardate ogni giorno e con entusiasmo i nuovi video, ma adesso chiediamo che ci stiate vicini durante questa tragedia come una famiglia. Vi preghiamo di aiutarci onoriamo il nostro, baked potato (“patata al forno”, come si faceva chiamare Caleb).

Tutto nasce per scherzo cinque anni fa, quando la famiglia, decide di aprire un canale YouTube dedicato alla più piccola di casa, Haley. Obbiettivo: caricare un nuovo video ogni giorno. Ben presto le telecamere si estendono a tutti componenti di casa Bratayley ed oltre al  “canale di famiglia”, anche Caleb e la sorella Annie, decidono di aprirne uno personale.

I video spopolano in tutto il web, contando circa più di un miliardo di visualizzazioni. Si stima che tali contatti siano di egual numero a quelli che dovrebbe avere il sito web di un’impresa per guadagnare cospicui profitti.

La fama dei Bratayleys e soprattutto dei tre bambini li porterà nel novembre 2014 a vestire i panni di piccoli giornalisti in erba, per Nickelodeon agli Halo Awards di New York; ovvero la cerimonia di premiazione per gli adolescenti statunitensi più impegnati sul pano sociale. Hanno così intervistato le giovani star che riempiono le giornate di tutti i ragazzini del mondo con le loro serie tv per famiglie, come “I Thunderman”.

Inoltre i tre fratelli erano stati scritturati dalla Disney, nell’agosto scorso, come testimonial per il merchandising del nuovo episodio di Star Wars.

Probabilmente per la troppa, esagerata popolarità, nascono da subito inevitabili polemiche, attorno alla morte del piccolo Caleb. Molti sospetti sulle cause del decesso… Non ci si capacita del fatto ogni video precedente la scomparsa di Caleb, lo ritragga sano e pieno di energia, privo di segnali che possano in qualche modo celare una malattia.

Bratayley Family

                    Bratayley Family

Per tutti quelli che gli sono stati e continuano ad essere vicini alla famiglia e anche per chi solleva inutili polemiche, mamma Katie, ci tiene a spiegare che purtroppo la causa della morte è ricercabile in una malattia sconosciuta. Inoltre l’unica cosa di cui hanno realmente bisogno i Bratayleys è solo un po’ di privacy per vivere nel silenzio delle loro mura domestiche il dolore per la perdita di un figlio e fratello.

Fortunatamente le malelingue vengono zittite dall’ innumerevole schiera di utenti che dimostrano attraverso parole e video il loro affetto al piccolo baked potato.