La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo. – Jimi Hendrix –

Archivio per febbraio, 2016

ELISA – NO HERO


<<Avere il coraggio di inseguire i sogni e continuare a farlo, a 40 come a 20 anni, è un atto di ribellione e di fede. Ho scritto questo pezzo per la mia migliore amica, ma era rivolto anche a me. E a tutti quelli che hanno preso più di qualche botta, ma che vogliono continuare a sognare e cercare la loro strada. 
Perché anche quando ci cammini dentro, devi continuare a trovarla per ogni passo in avanti che fai>>.

(tratto dal profilo twitter ufficiale di @elisatoffoli http://twitter.com/elisatoffoli/status/687685376945844225/photo/1)

Parole che racchiudono l’essenza non solo del brano, ma dell’essere stesso di Elsa, cantante con la “C” maiuscola, che ha scelto nonostante tutto e tutti di tornare alle proprie origini, -musicalmente parlando- e cioè scrivendo in inglese.

Singolo in rotazione radiofonica dal 15 gennaio 2016, che anticipa l’album “ON”, che uscirà il 25 marzo.

Elisa - On

Elisa – On

 

Pezzo di grande significato, di riscatto, di voglia di farcela e ripartire ogni volta da zero, nonostante tutto. Storia che assomiglia un po’ a tutte quelle dei cantanti emergenti magari, ed invece fa anche un po’ effetto sentirla da una che viene direttamente dall’Olimpo della Musica… Ma anche questa è la grandezza della friulana Elisa Toffoli.

Perché non sentirsi mai arrivati è sintomo di umiltà e perciò dell’essere ARTISTA.

 

ED ECCO IL TESTO DI “NO HERO”

Don’t you shut your eyes
And hide your heart behind a shadow
Cause you can count on me
As long as I can breathe
You should know
I’ll carry out through the night
Through the storm
Give you love only love in return

I can’t jump over buildings
I’m no hero
But love can do miracles
I can’t outrun a bullet
I’m no hero
But I’d take one for you
Sure I would

I’ve fallen from grace
I have much less to say than a sinner
No I ain’t no superhuman
Cause that’s just in the movies I know
But I carry you through the night
Through the storm
Give you love always love in return

I can’t jump over buildings
I’m no hero
But love can do miracles
I can’t outrun a bullet
I’m no hero
But I would take one for you
I can’t jump over buildings
I’m no hero
But love can do miracles
I cannot run a bullet
Cause I’m no hero
But I’d spill my blood for you
If you need me to

Yeah, yeaah

Don’t say this is over
Looking for better days
Oh don’t say this over
There’s no loser
Look at the better days
Just what it gets

I can’t jump over buildings
I’m no hero
But love can do miracles
I can’t outrun a bullet
I’m no hero
But I would take one for you
I can’t jump over buildings
I’m no hero
But love can do miracles
I cannot run a bullet
Cause I’m no hero
But I’d spill my blood for you
If you need me to
I’ll be there

Yeeah yeaaah
Yeeeah yeaah (don’t you know what I’ve done)
Yeeah yeaaah
Yeeeah yeaa

TRADUZIONE ITALIANA “NO HERO”

Non chiudere gli occhi
e non nascondere il tuo cuore dietro un’ombra
perché puoi contare su di me
fin quando riuscirò a respirare
dovresti saperlo
e ti porterò oltre la notte
attraverso la tempesta
ti darò solo amore, amore in cambio

non posso saltare sui palazzi
non sono un’eroe
ma l’amore può fare miracoli
non posso far scattare un proiettile
non sono un’eroe
ma ne prenderei una per te
di sicuro lo farei

sono caduta dalla grazia
ho meno da dire di un peccatore
no, non sono un super-umano
perché è solo nei film, lo so
ma ti porterò attraverso la notte
attraverso la tempesta
ti darò solo amore, sempre amore in cambio

non posso saltare sui palazzi
non sono un’eroe
ma l’amore può fare miracoli
non posso far scattare un proiettile
non sono un’eroe
ma ne prenderei una per te
non posso saltare sui palazzi
non sono un’eroe
ma l’amore può fare miracoli
non posso far scattare un proiettile
non sono un’eroe
ma perderei il sangue per te
se hai bisogno che lo faccia

Non dire che è finita
alla ricerca di giorni migliori
oh non dire che finita
non ci sono perdenti
guarda i giorni migliori
solo questo conta

non posso saltare sui palazzi
non sono un’eroe
ma l’amore può fare miracoli
non posso far scattare un proiettile
non sono un’eroe
ma ne prenderei una per te
non posso saltare sui palazzi
non sono un’eroe
ma l’amore può fare miracoli
non posso far scattare un proiettile
non sono un’eroe
ma perderei il sangue per te
se hai bisogno che lo faccia
sarò lì

Yeeah yeaaah
Yeeeah yeaah (non sai cosa ho fatto)
Yeeah yeaaah

Annunci

IL GRUNGE E’ TORNATO! GRAZIE ALLA MAB ED IL SUO EP “GRUNGERS AND LOVERS”


 

MAB_2700_bI MAB, bellissima scoperta! Anche se l’aggettivo bellissima è riduttivo… Ecco la loro “scheda”:

Marco Ammar : voce e chitarra

Valerio Troiani (chitarre) 

Manuel Turco (batteria)

Fabio Penna (basso)

Marco, Valerio, Manuel e Fabio fondano la band nel 2010. Da qui in poi i quattro assi da poker si esibiscono live in vari locali della capitale, iniziando un percorso di “identificazione musicale”. Sperimentando il sound danno vita nel 2012 al loro primo disco “Conscious Delirium”.

Unendo le loro conoscenze e gusti musicali, che si rifanno a Jeff Buckley, nasce l’EP “Grungers and Lovers” , (Safe&Sound, 18 gennaio 2016) il quale titolo è dedicato proprio a Buckley.

E’ il racconto dell’amore a 360°: amore carnale e romanticismo, due concetti apparentemente agli antipodi, però spesso l’uno non può esclude l’altro.

-l’ EP che fa da apripista a quello che sarà il secondo full-length è stato registrato da Alessandro di Nunzio al NMG Recording Studio, Grungers and Lovers dei MAB è stato Mixato da Emiliano Rubbi e la grafica è stata curata da Stefania Pochesci.-

 

Grungers and Lovers è un EP breve, ma intenso. Quattro tracce rese veramente forti, grazie alla voce potente e versatile di Marco e ancora attraverso il suono. Sembra scontato, ma non lo è! Perché la grandezza di una canzone è il risultato di questi due fattori: voce e musica. E la MAB ha fatto di quest’ultimo ingrediente il suo marchio di fabbrica.

Un doveroso plauso dunque a tutti musicisti, al loro sound originale, a volte distorto, a volte più delicato, che rimescola lo stile grunge anni 90′, adattandolo a temi e sfumature attuali.

unnamed

Ecco le 4 tracks!

Wheightless

Primo singolo estratto ed in rotazione radiofonica dall’11 gennaio.  Inizio col botto! ;)! Musica travolgente, la chitarra la fa da padrona (come un po’ in tutto il resto dell’EP). Weightless = senza peso, riferimento ai Marlene Kuntz, ” nessuno ha il coraggio di dare voce ai propri pensieri sporchi”.

SMS (Short Message Script)

E’ la polaroid di un momento di follia d’amore….

Lento inizio, che diventa sempre più graffiante. Si presenta quasi come una ballad in confronto alla prima traccia, ma non per questo meno ricca di energia, che al contrario cresce ogni qual volta arriva il ritornello. Ritornello d’effetto che infonde quasi calma, sovrapponendosi alla linea quasi sofferente, della canzone, Questa chitarra meno aggressiva, ci sta proprio bene!

Nectarine

E’ l’euforia delle belle stagioni: primavera ed estate. Cantata quasi sottovoce, come a sottolineare e a dare più importanza al testo. Melodia che ti culla quasi come una ninna nanna… poi una scossetta col ritornello quasi struggente, per ritornare alla ballad sottovoce. Anche qui bella musica! E che assolo di chitarra!

Rayuela

Canzone ispirata al settimo capitolo dell’omonimo anti-romanzo di Julio Cortázar che descrive un bacio…

Bella intro! Particolare, allegra…  chitarra energica e spensierata. La sua melodia ti entra in testa piacevolmente. Questa canzone è un crescendo di emozioni. Non poteva esserci epilogo migliore per un EP così straordinario! Ve lo assicuro! Veramente da ascoltare, anche perché se siete dei rockers, non potete desistere dall’ascolto ed anche se siete abituati a sonorità più soft o generi completamente agli antipodi, niente paura: sarà bello scoprire nuovi orizzonti!

MAB_2782_b


Da Bovalino, Vanessa, una ragazza da Guinness World Records


direttamente da… Articoli e Collaborazioni Giornalistiche

b

SOGNA DI RECITARE IN UN FILM DI CHECCO ZALONE MA INTANTO SI CIMENTA NEI RECORDS E NE DETIENE GIA’ DUE: “MAGGIOR NUMERO DI PAROLE PRONUNCIATE IN UN MINUTO IN ITALIANO” E “MAGGIOR NUMERO DI BASTONCINI DA COCKTAIL INSERITI IN UN MARSHMALLOW IN 30 SECONDI”

Di Valeria Morabito

Esistono persone che hanno diversi talenti… il canto, il ballo, saper ascoltare il prossimo, dispensare buoni consigli, essere un genio in logica e matematica, cavarsela ai fornelli… e poi c’è…

E poi c’è Vanessa! Una giovane reggina,con un talento strabiliante, che ha fatto di lei una record woman! Non una, ma ben due volte! Il suo stravagante talento è quello della velocità! Vanessa Morabito, tradotta in termini supereroici, è una ragazza davvero “Flash”!

E grazie al suo carisma, la ventiseienne, originaria di Pozzo, piccola frazione di Bovalino (RC) detiene ben due Guinness World Records! Il primo,”Maggior numero di parole pronunciate in un minuto in italiano”, strappato al conduttore televisivo per eccellenza, Paolo Bonolis. Ebbene si! Lo show-man romano, nel 2010 per la prima volta in Italia, nel programma di Canale 5 “Lo show  dei Record”, condotto all’epoca da Paola Perego, riuscì a pronunciare 332 parole, mentre la nostra Vanessa riuscì a rubargli il titolo, superandolo con  380 parole, l’8 febbraio del 2012.

Ma non contenta, decide di cimentarsi in un’altra sfida… perché si sa… due Guinness World Records is megli che one! Ed è così che l’8 gennaio 2014, soffia a Silvio Sabba, il record “Maggior numero di bastoncini da cocktail (o più comunemente stecchini) inseriti in un marshmallow in 30 secondi”, riempiendo per la seconda volta d’orgoglio la Calabria .

Curiosi come noi di saperne di più? Ecco a voi alcune domande che abbiamo fatto a Vanessa, la calabrese da record!

 

Come ti è venuto in mente di cimentarti in questi records?

Per quanto riguarda il record delle parole, l’idea di poterlo battere, mi è venuta la sera stessa in cui Paolo Bonolis si è cimentato in questa prova… Stavo seguendo il programma “Lo Show dei Record”. Ho capito che ce l’avrei fatta. Avevo sul comodino il libro dei Promessi Sposi, ho fatto una prova la sera stessa e l’ho eguagliato, perciò ho deciso di allenarmi per superarlo. Col passare del tempo, ho capito che oltre alla velocità nella dialettica, riesco anche nella velocità manuale, e mi sono messa alla prova in 30 secondi.

Sei velocissima! Quando ti sei accorta di tale dote?

Credo di essermi accorta per la prima volte durante il periodo degli studi. Ripetevo talmente veloce le materie orali, che i professori credevano avessi imparato a memoria le lezioni.

Superare i limiti, per te cosa significa?

Superare i limiti mi permette di mettermi alla prova e capire fino a che punto la mente umana può arrivare.

Quanto tempo al giorno ti sei allenata per riuscire a battere i due records?

In realtà poco tempo… Quando tornavo da lavoro la sera dedicavo un quarto d’ora, venti minuti.

La maggiore difficoltà che hai avuto in merito all’ex record di Paolo Bonolis?

Nel record di velocità delle parole, la maggiore difficoltà è nel respiro… parlare veloce toglie il fiato.

Si sa… chi entra a far parte del mondo dei Guinness World Records, spesso è a caccia di nuove sfide… la tua qual è?

Vorrei sfidare me stessa, alzare di livello il mio record “Maggior numero di parole pronunciate in un minuto in italiano”, magari nel programma “Lo Show dei Record”. E qualora non fosse possibile, se riuscissi a trovare degli sponsor, potrei far venire direttamente in zona i giudici del Guinness World Record.

Sappiamo che circa un anno dopo aver battuto il record di Paolo Bonolis, hai partecipato come concorrente ad una puntata del suo programma “Avanti Un Altro… Pure di domenica”. Com’è stato incontrare il precedente detentore?

E’ stato senza dubbio emozionante, divertente. Già seguivo questo programma e devo dire che dal vivo è ancora più divertente! E Paolo è così spiritoso e spontaneo, insomma lo è nel programma come nella vita.

Com’è cambiata la tua vita dopo le esperienze da record?

In realtà non è cambiata molto… nonostante tutti mi riconoscano per strada (tragitto casa lavoro, si scherza!) ed io abbia avuto delle grandissime soddisfazioni personali, conduco una vita abbastanza normale, come quella che facevo prima dei records.

 

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Se devo farlo sogno in grande: mi piacerebbe recitare in un film di Checco Zalone, adoro la sua ironia, simpatia.

 

 


GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’EPILESSIA: COMBATTIAMO INSIEME LA MALATTIA!


epilessia-300x277

Oggi 8 febbraio 2016 è la giornata internazionale dell’epilessia, istituita per far conoscere meglio la malattia, perché solo con la consapevolezza la si può combattere, perciò… BASTA PREGIUDIZI!

Lo sapevate infatti, che se curata e in stadio leggero, gli epilettici possono… :

FARE SPORT DI OGNI GENERE (eccetto se soggetti a perdita di coscienza), LAVORARE (evitando magari quei lavori che costringono a stare su impalcature, pontili, ecc…) e… ANDARE A SCUOLA! (Sembra banale, ma…) un bambino epilettico, può e deve studiare, perché la scuola è uno dei pochi momenti di confronto con gli altri.

Se oggi sono stati fatti diversi passi avanti con la ricerca è grazie all’AICE (Lega Italiana Contro L’Epilessia)  questa società scientifica, promotrice di diverse iniziative, ma c’è ancora tanto da fare…