La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo. – Jimi Hendrix –

La MAB: Non vogliamo suonare rock, grunge, pop o jazz: noi suoniamo ciò che ci ispira e fa parte di noi.


MAB è la band romana composta da Marco Ammar (voce e chitarra), Valerio Troiani (chitarre), Fabio Penna (basso) Manuel Turco (batteria). Il loro 2° progetto discografico è “Grungers and Lovers” (Safe&Sound), interamente dedicato al loro idolo Jeff Buckley, ma anche ispirato dallo scrittore Julio Cortazar. Un EP fantastico, del quale avevamo già parlato, (IL GRUNGE E’ TORNATO! GRAZIE ALLA MAB ED IL SUO EP “GRUNGERS AND LOVERS”ma adesso con grandissimo piacere è la MAB che ci racconta un po’ di sé e della sua musica…!

MAB

MAB

Innanzi tutto come nasce il vostro nome che risuona come un acronimo ?
In realtà come per la nascita di un bambino, prima ci siamo dedicati al concepimento del progetto poi ci siamo realisticamente posti il problema del nome e non potendo chiamarci “i ragazzi padri” (tanto per sfruttare a fondo la metafora), abbiamo optato per un più evocativo MAB: noi siamo la MAB. In effetti si tratta di un acronimo, frutto naturale della profonda e sentita condivisione di un progetto musicale che si è coagulato dalla estate 2010 intorno alla figura di Marco Ammar, il nostro cantante (Marco Ammar Band).

Cos’è per voi il grunge (inteso sia musicalmente che come filosofia)?
La verità? Dedichiamo davvero poco tempo alle definizioni della musica in generi, idem per la filosofia di vita. Ambiamo a vivere nella maniera intimamente più sentita da ognuno di noi e la stessa cosa vale anche per la musica. Non vogliamo suonare rock, grunge, pop o jazz: noi suoniamo ciò che ci ispira e fa parte di noi.

Secondo voi questo sound degli anni ‘90 sta davvero tornando ?
Francamente ci crediamo poco. Oggi le tendenze nascono e muoiono nel corso di una manciata di tempo, si ripesca per un breve periodo per provare a stimolare l’appetito di una società forse troppo sazia. La musica e l’arte in genere dovrebbero proporre degli assoluti. L’artista propone il proprio sentire, mi domando come il sentire possa confarsi alla mode.

Chi compone testi e musiche?
Solitamente i brani vengono concepiti da Marco Ammar, il quale poi propone linee e temi lasciando ad ognuno del gruppo spazio per “educare” con il suo sentire il brano nella fase di arrangiamento.

Da 1 a 10 “Grungers and Lovers“ quanto è autobiografico ?
Beh, senza dubbio 10.

Cosa vuole comunicare al mondo il vostro concept ?
Condividere forse è più appropriato. Vuole condividere riflessioni, provocazioni, pensieri ed emozioni che riguardano l’amore, questo ingrediente presente in ogni prodotto della attività umana o forse della vita in genere.

Come mai avete deciso di omaggiare tra i tanti Cortazar e Buckley? Come vi hanno ispirato?
Beh, per Buckley basta ascoltare “Grace”, immaginare come sia stato scritto il disco, come sia stato diretto il lavoro da Andy Wallace per trovare le risposte più esaustive ed appropriate. Per Cortazar è stato incidentale, risale al periodo in cui Marco si è imbattuto in quella lettura.

Per voi qual è la cosa più gratificante nel fare musica ?
Poter cantare a squarciagola il chorus di Weightless No one’s brave enough to speak their dirty minds and just like anyone you keep it safely locked within your thoughts” e vedere negli ascoltatori un compiaciuto ammiccamento!

Quando potremo vedere la MAB live ?
La dimensione live è la nostra condizione naturale, stiamo organizzando diverse date sul territorio nazionale: il nostro sito http://www.mab.one è costantemente aggiornato, seguiteci!

Qual è il vostro motto nella vita ?
 …mmm…così su due piedi è difficile. Accettiamo consigli !!

Grazie mille per l’attenzione! A presto! 🙂 

Grazie a voi!

 

Ecco Weightless, primo singolo estratto in rotazione radiofonica dall’11 gennaio!

LINKS

mab.one

facebook.com/marcoammarband

twitter.com/marcoammarband

youtube.com/marcoammarband

Annunci

Ogni commento è prezioso!! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...