La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo. – Jimi Hendrix –

Archivio per dicembre, 2017

BUON ANNO DA Spumeggiante Magazine -il blog libero e indipendente- GRAZIE A TUTTI VOI LETTORI CUORE PULSANTE DEL BLOG!!!!


BUON ANNO DA Spumeggiante Magazine -il blog libero e indipendente- GRAZIE A TUTTI VOI LETTORI CUORE PULSANTE DEL BLOG!!!!

BUON ANNO DA Spumeggiante Magazine -il blog libero e indipendente- GRAZIE A TUTTI VOI LETTORI CUORE PULSANTE DEL BLOG!!!!

Che questo 2018 sia ricco di pace, salute, amore e serenità!!! AUGURI a tutti gli amici di Spumeggiante Magazine -il blog libero e indipendente- !!!!!

 
Ai fedelissimi: i blogger che seguono il sito su WordPress e gli iscritti alla pagina FB del blog e anche a chi per sbaglio, distrattamente o in cerca di qualcosa di preciso nel mare del web, si imbatte in un articolo del blog e trova quello che cercava o magari tutt’altra cosa, ma in compenso trova un mondo nuovo fatto principalmente di musica e di storie, quelle raccontate nelle numerose interviste e non solo poiché c’è posto anche per curiosità, subculture e così via….

 
Lettore occasionale o abituale che sia non importa….

 
Perché quando un lettore riesce a saperne un po’ di più su un argomento, magari addirittura a trarre ispirazione da uno squarcio di testo o cambiare punto di vista, o semplicemente accende la sua curiosità, vuol dire che Spumeggiante Magazine ha fatto il suo dovere….

 
AUGURI di una buona fine e di uno splendido principio a tutti voi spinta motivazionale per continuare a scrivere e impegnarsi a migliorare!!!
Con affetto, Spumeggiante Magazine -il blog libero e indipendente-

Annunci

SONG OF THE WEEK: PALLE DI NATALE (SMILE! IT’S CHRISTMAS DAY!) – “IL PROGETTO GIOVANI” DELLA PEDIATRIA ONCOLOGICA FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI DI MILANO


#SONGOFTHEWEEK #CHRISTMAS #PALLEDINATALE #ILPROGETTOGIOVANI

Questa settimana abbiamo deciso di inserire nella rubrica “SONG OF THE WEEK” (in versione natalizia, dato che ormai ci siamo… manca poco alla festa più attesa e magica  dell’anno… 🙂 )  una canzone STREPITOSA pubblicata l’8 novembre 2016 sul tubo catodico più famoso della rete: YouTube. E’ nata grazie a “Il Progetto Giovani” della Pediatria Oncologica della Fondazione IRCCS – Istituto Nazionale dei Tumori di Milano in collaborazione con l’Associazione Bianca Garavaglia.

Gente ecco a voi: “Palle di Natale (Smile! It’s Christmas Day)”

Tante voci -e che voci ragazzi! Veramente!!! Sembrano appartenere a dei professionisti del mestiere…!- Ed invece sono le voci di semplici ragazzi come tutti che con tanta grinta e passione infondono positività e ci ricordano che non dobbiamo mai smettere di sorridere nonostante tutto e che la bellezza del Natale è stare insieme alle persone care, le quali ci infondono nuova forza per abbattere le avversità della vita… Inoltre questi ragazzi ci mostrano una forza interiore che fa paura!

Testo profondo, mai scontato (che potete leggere a fine articolo), musica allegra e coinvolgente -come già detto- voci spettacolari che nei duetti poi si amalgamano perfettamente e non poteva mancare anche il rap bro! I cori, gli strumenti a fiato e la musica divertente spezzano meravigliosamente con quelle strofe rap dure e crude ma pur sempre positive: “Il ragazzo della stanza 13 pensa Che le feste sono vicine e sua madre riempie la dispensa E riflette sul regalo che già si trova davanti Chiuso com’è nella scatola dei desideranti. Vorrebbe la normalità di ogni anno, la consuetudine Ma si tratta di un giudice che condanna all’abitudine La vera norma è la forma che diamo noi, nessuno dorma d’ora in poi, perché partono le musiche”. –RAGAZZI SIETE DAVVERO FAN-TA-STI-CI!!! Troppo bella questa canzone (ed anche il video naturalmente!) : non si  riesce più a smettere di ballare e divertirsi con la vostra energia ed i vostri sorrisi contagiosi!–

Palle di Natale  (Smile! It's Christmas Day)

Palle di Natale (Smile! It’s Christmas Day)

Insomma un egregio lavoro sia dal punto di vista puramente tecnico e soprattutto umano! Ma ne vogliamo parlare???

“Il Progetto Giovani” significa molto più di quello che possiamo immaginare per questi ragazzi, perché non si occupa solo della malattia ma cura un altro aspetto essenziale, quello psicosociale, stimolando la loro creatività e voglia di fare con diverse attività rivolte ai malati e non.

“Il Progetto Giovani” è una grande ed importante risorsa per il nostro paese, perché grazie al suo staff ogni giorno si impegna a creare un nuovo modello di organizzazione medica al fine di garantire il miglioramento di particolari aspetti clinici (l’accesso ai protocolli di cura, il supporto psicosociale, le misure di conservazione della fertilità, la gestione dei pazienti dopo la conclusione della terapia). Inoltre -come riportato sul sito ufficiale  della Fondazione IRCCS- (http://www.ilprogettogiovani.it,)

“Progetto Giovani vuole dare vita ad un movimento che affronti in modo ampio e determinato il fatto che i pazienti adolescenti hanno minori possibilità di accedere ai centri di eccellenza e, come risultato, hanno minori probabilità di guarire dei bambini, a parità di condizione clinica”. Anche per questo è importante sostenere questo fantastico progetto perché MERITA!! Basta ascoltare “Palle di Natale – (Smile! It’s Christmas Day!)” per rendersene conto…

Inoltre è possibile acquistare il brano su iTunes e sostenere così la Ricerca Medica Oncologica https://itunes.apple.com/it/album/pal…

 

In conclusione… ancora COMPLIMENTI RAGAZZI PER LA VOSTRA MUSICA non solo per le intonatissime voci soliste e dei cori, per la musica, ma anche perché portatrice di un bel messaggio di positività e speranza.

Thanks Guys!

Peace, Love & Hope 🙂  !!!

 

TESTO:

Natale ha senso se tu sei con me

la festa è pronta e sai che c’è che

 non mi perdo neanche un attimo

 se siamo qui e non è un film

 niente può dividerci

 

 E’ un’occasione per rinascere

 qualcosa che ti cambierà

 e questa voglia di sorridere

 che non mi passa, è un sogno in tasca

 è l’universo in una stanza

 

 In spite of everything it’s Christmas Day

 (a very Merry Christmas)

 my heart is full of joy and wishes

 (all I want for you)

 is happiness

 and the little things that make you laugh

 all I want for Christmas is your smile!

 

 Natale insieme con chi resterà

 accanto a me, nell’anima

 la nostra stella che ci illumina

 sarai tu la mia risposta, ricomincio con più forza

 

 In spite of everything it’s Christmas Day

 (a very Merry Christmas)

 my heart is full of joy and wishes

 (all I want for you)

 is happiness

 and the little things that make you laugh

 all I want for Christmas is your smile!

 

 “Il ragazzo della stanza 13 pensa

 Che le feste sono vicine e sua madre riempie la dispensa

 E riflette sul regalo che già si trova davanti

 Chiuso com’è nella scatola dei desideranti.

 Vorrebbe la normalità di ogni anno, la consuetudine

 Ma si tratta di un giudice che condanna all’abitudine

 La vera norma è la forma che diamo noi, nessuno dorma d’ora in poi,

 perché partono le musiche.

 Passami il tubo della flebo per fare gli addobbi,

 le lucine non servono bastano i tuoi occhi

 che illuminati di speranze illuminano le stanze

 e nei globuli bianchi vedono la neve a fiocchi.

 Dunque il ragazzo scarta il nastro di cerotti e bende

 Altrimenti poi il Natale chi ce lo difende!

 Dentro la scatola un biglietto che invita a recarsi dagli amici in sala

 d’affetto e infine lascia detto:

 ‘Ci vediamo in pediatria e condividiamo la magia’

 Firmato l’Istituto del Natale, speciale”

 

 In spite of everything it’s Christmas Day

 (a very Merry Christmas)

 my heart is full of joy and wishes

 In spite of everything it’s Christmas Day

 (a very merry Christmas)

 my heart is full of joy and wishes

 (all I want for you)

s happiness

 and the little things that make you laugh

 all I want is Christmas… and Christmas is your smile!

 

 

Per sapere di più su “Il Progetto Giovani”

Sito internet => http://www.ilprogettogiovani.it,

Pagina Facebook =>  https://www.facebook.com/ilprogettogi…


SONG OF THE WEEK: THE SKY IS A NEIGHBORHOOD – FOO FIGHTERS


THE SKY IS A NEIGBORHOOD – FOO FIGHTERS

 

“The Sky Is a Neighborhood”  dei “Foo Fighters” è il secondo singolo estratto dall’album “Concrete and Gold”, (nono album in studio della band prodotto da Gerg Krustin out dal 15 settembre 2017).

FOO FIGHTERS FORMAZIONE

Dave Grohl (voce, chitarra ritmica)

Chris Shiflett (chitarra solista, cori)

Pat Smear (chitarra)

Nate Mendel (basso)

Rami Jaffee (pianoforte, tastiera)

Taylor Hawkins (batteria, cori)

Foo Fighters - The Sky Is a Neighborhood

Foo Fighters – The Sky Is a Neighborhood

 

Basta ascoltare questa canzone per capire che il gruppo alternative rock fondato nel 94’ da Dave Grohl (conosciuto come storico batterista dei Nirvana) si riconferma uno dei migliori della scena rock contemporanea…

Inizio bomba! Energia pura!!! Che non si ferma, ma sale e continua a salire sempre di più con questa fantastica batteria…. Un ritornello ancora più potente che ti trascina nel quartiere celeste che canta Grohl. Tecnica musicale impeccabile, fantastica chitarra. Ritornello potente l’ho già detto?? Ma la cosa bella è che non è questo il fulcro della canzone, bensì TUTTA la traccia che più va avanti e più è un piacere all’ascolto.

“The Sky Is a Neighborhood” (“Il cielo è un quartiere” ) descrive il paradiso come un big bang (Heaven is a big bang now/ Il paradiso è un big bang adesso), che sembra scagliarsi contro un mondo terreno pieno di angosce e preoccupazioni (Trouble to the right and left/ Whose side you’re on? Problemi a destra e sinistra/ Tu da che parte stai?), ma che infondo più che scagliarsi contro di noi, vuole avvolgerci nella sua bellezza, con le sue stelle, proprio come accade nel videoclip diretto dallo stesso frontman Grohl. Ci sono due bimbe Violet (11) e Harper (8), figlie di Dave, che iniziano a sfogliare una specie di libro magico e come per incanto il cielo ed i suoi “abitanti Foo Fighters” illuminano la casetta delle due sorelle, spazzando via ogni tristezza con le loro luci colorate.

Com’è nata la canzone…? Sembra banale ma è grazie alla più grande e potente fonte di ispirazione che esiste da tempo immemore e che ancora oggi per chi sa osservare bene è capace di rivelarci tante idee che nemmeno consideravamo possibili… : il cielo

LA GENESI DI “THE SKY IS A NEIGHBORHOOD” RACCONTATA DA GROHL

“Una notte ero semplicemente sdraiato a guadare le stelle e ho iniziato a considerarle come dei luoghi abitati tanto quanto la Terra, da lì l’idea che il cielo sia un vicino e che noi dobbiamo cercare di restare uniti nonostante tutto lo schifo che ci circonda per sopravvivere in questo universo ricco di vite parallele. Ma non avevo ancora la musica. Avevo solo il titolo. Così me ne andavo in giro ogni giorno cercando di canticchiarmi qualcosa in testa”.

 

 

 


SONG OF THE WEEK STORY: I GIARDINI DI MARZO – LUCIO BATTISTI


“I giardini di marzo” fa parte dell’album “Umanamente uomo: Il sogno” il quinto in studio del cantante, compositore e polistrumentista Lucio Battisti, pubblicato il 24 aprile 1972 dall’etichetta discografica Numero Uno. Il capolavoro scritto da Mogol uscì anche come singolo e quell’anno fu il 4° più venduto in Italia.

Lucio Battisti

I GIARDINI DI MARZO Una canzone quasi tutta in sottovoce, di una voce apparentemente stanca, un po’ rauca ma con tanta forza dentro… una canzone che racconta la guerra di un uomo con il suo io, con la sua mente e il suo cuore pieni zeppi di malinconie e amore e tanta rabbia, poiché l’amore pare inesistente perché soffocato da una coltre di ghiaccio. In verità, in verità vi  dico che no, non è affatto così! Basta prendersi per mano e andare insieme nelle sconfinate colline e praterie, sotto quei cieli immensi per accorgersi che dietro un uomo che guarda scorrere la vita degli altri che gli stanno attorno, vi è anche e soprattutto la SUA di VITA! Solo che ancora sta combattendo contro la PAURA di viverla a causa dei fantasmi del passato che lo fanno sentire inadeguato…

…E questi “fantasmi” -specchio del sentimento universale dell’inadeguatezza che  tutti almeno una volta nella vita hanno provato-, sono luoghi, persone e fatti realmente accaduti al paroliere Mogol che qualche tempo fa ha spiegato passo passo alcune strofe della canzone… Mogol

  –Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati
al 21 del mese i nostri soldi erano già finiti
io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti
il più bello era nero coi fiori non ancora appassiti–

(Mogol) “Mi ricordo il punto esatto dove passava un carretto dove potevamo comprare per 10 lire dei gelati quadrati e due biscotti, ma quando si era vicini alla fine del mese mia madre non mi dava i soldi, la vita era dura anche per i miei, la situazione economica non era florida. Mi stupivo che i fiori sui suoi vestiti non fossero ancora appassiti perché li aveva portati così tante volte che era un miracolo che non fossero sciupati”.

–All’uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri
io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli–
(Mogol) “Non avevo mai trovato il coraggio di venderli anch’io perché mi sentivo patetico, non so per quale motivo era un fatto di orgoglio.”

–I giardini di marzo si vestono di nuovi colori
e le giovani donne in quei mesi vivono nuovi amori
camminavi al mio fianco e ad un tratto dicesti “tu muori
se mi aiuti son certa che io ne verrò fuori”
ma non una parola chiarì i miei pensieri
continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri–

 (Mogol) “Ho immaginato una donna che chiede aiuto perché si sta innamorando di un altro ma che contemporaneamente ha bisogno di un supporto per uscire da questa situazione. Lei si è confessata, lui invece l’ha ignorata per un fatto di orgoglio”.

 

Che dire di questo piccolo grande gioiellino della musica leggera italiana che tra le tante cose porta l’impronta bene impressa di uno stile musicale unico e inimitabile, quello del PURO cantautorato italiano, stile e anima tricolore che ci invidia tutto il mondo…???

Solamente GRAZIE LUCIO per la tua voce e MOGOL per le tue parole.