La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo. – Jimi Hendrix –

ARTICOLI E COLLABORAZIONI GIORNALISTICHE

 

 

 

Collage Riviera 2

INTERVISTA AL DUO RAP CALABRESE SHARK & GROOVE: L’HIP HOP E’ RIMASTA L’UNICA VERITA’ SENZA CENSURE

LEONARDO POLVERELLI - IL CANTANTE DA DUINNESS WORLD RECORD!!!

LEONARDO POLVERELLI – IL CANTANTE DA DUINNESS WORLD RECORD!!! (http://www.calabriainforma.com/cultura/musica/8422-quattro-chiacchiere-con-leonardo-polverelli-il-cantante-da-guinness-world-record) Quando si parla di karaoke viene subito in mente il grande Fiorello disse più volte di essere “cintura nera di karaoke”, ma purtroppo per lui non è così. Ebbene esiste un uomo capace di cantare ben 1.259 canzoni di seguito in 101h 59min e 15 sec -Guinness World Record battuto fra il 19 e il 23 settembre 2011- che riguarda la maratona di Karaoke più lunga del mondo (THE LONGEST KARAOKE MARATHON), al Cinema Teatro Astra di Pesaro. Il suo nome è Leonardo Polverelli. Egli è un validissimo musicista (suona chitarra e batteria) ed ha prodotto svariati dischi. Ma la passione per il canto non è l’unica cosa che fa parte della vita Leonardo. Papà di 4 figli (2 maschi e 2 femmine), avuti con l’amore della sua vita Claudia Neri, ha scritto diversi libri, dei fumetti -data la sua grande passione per il mondo della Marvel- e quattro sue canzoni fanno parte della colonna sonora di “My dad’s girlfriend”, film del regista indiano P.C. Adytia, che a breve uscirà. Ed ecco l’intervista del gentilissimo, disponibile e davvero grande Polverelli. • Dalla tua biografia, si legge che sei un appassionato di Samuel & Garfunkel ed i Genesis… allora com’è nata la passione per la cosiddetta “musica benefica”? E perché la prediligi a quella “tradizionale”? Simon & Garfunkel mi hanno insegnato l’Armonia delle voci e a strimpellare la chitarra, mentre i Genesis mi hanno formato come batterista e sicuramente influenzato per quanto riguarda la parte teatrale e compositiva. In seguito mi si è aperto il mondo delle Frequenze, prima da ascoltatore e poi da Compositore. • Per chi non la conoscesse, puoi spiegare il concetto di musica benefica? A mio avviso tutta la Musica è Benefica. Se entriamo nello specifico delle Frequenze e scopriamo che da dopo il nazismo ci è stata imposta l’accordatura del LA a 440 Hertz iniziano ad arrivare molte risposte; i 440 Hz non ci fanno ragionare con la nostra testa e ci rendono più ‘manipolabili’. L’accordatura a 432 Hz (multiplo di 8) sarebbe molto più adatta per un’esistenza libera e indipendente. Quindi ben vengano tutti quei tipi di frequenze che mettono in contatto i due emisferi del cervello. Ti spiego quali sono le cosiddette Frequenze Benefiche da me utilizzate: arriva da me un caro Amico medico agopuntore e mi dice: “Tu sei un bravo musicista e io un bravo medico(viva l’autostima!); cosa puoi ricavare da questa?” E mi mostra una tabella con dei numeri, le Frequenze in Hertz utilizzate e testate dai medici Bourdiol e Nogier. Mi sono soffermato sulle frequenze di 160 e 320 Hz, le prime che agiscono sul dolore fisico e le seconde sulle ghiandole tumorali (tradotto alla lettera dal francese). Le ho trasformate in frequenze udibili dall’orecchio umano e miscelate(con qualche mia modifica) assieme alla Musica. I risultati ottenuti in meditazione sono stati ottimi e mi hanno spinto a utilizzarle di serie nei miei Cd. • Ti senti più scrittore, più musicista o più cantante? Direi un Musicista che si diverte a cantare e scrivere… • Una delle tue tante produzioni musicali s’intitola “Musica dall’invisibile”, per te che cos’è esattamente l’invisibile? Una serie di 11 Cd hanno appunto il sottotitolo di “Musica dall’Invisibile”. Sono sempre stato attratto dai fenomeni inspiegabili e tutto ciò che va al di là del limite. Nel 2005 scrivo il mio primo romanzo (LA CASA DEL BAMBINO CHE GRIDA, tratto da una mia canzone) ed è stata la mia auto-iniziazione, arrivando ad accorgermi che anche quello che non vediamo coi nostri occhi e non tocchiamo con le nostre mani è invece ben presente ogni momento della nostra vita. Nel 2007 scrivo apparentemente una fiaba per bambini (WEBS & SPIDERS, sempre da una mia canzone) e invece mi ritrovo a comprendere due anni dopo di avere per le mani una storia profonda sui sensi di colpa con effetti addirittura terapeutici. L’Invisibile è per me il semplice (ma non scontato) Accorgersi. • Come ti sei accorto della tua particolare “resistenza” canora, che ti ha poi permesso di battere il Guinness World Record in merito all’esibizione più lunga live come cantante di karaoke individuale? Me ne sono accorto poco prima della centoduesima ora di canto continuo… Nel senso che non ho fatto alcun tentativo preliminare, sapevo semplicemente che ce l’avrei fatta. • Chi o cosa ti ha spinto a superare i tuoi limiti accettando la sfida del GWR? Nel 2010 vinco un altro Guinness World Record cantando per 2 ore e 20 minuti come partecipante alla maratona canora più lunga del mondo condotta da più persone. Alla fine della manifestazione chiedo al Presidente dell’Associazione Titanus di Pesaro, Luca Veneziano se esisteva qualcuno che da solista deteneva questo tipo di primato; lui mi risponde che il titolo era di un indiano con 101 ore e 15 minuti di canto continuo. Io parto in quarta e dico: “Ma io canto per 103-104 ore! Ci stai?” A questo punto lui è stato più pazzo di me in quanto mi ha preso alla lettera, organizzando per l’anno successivo una Manifestazione dove avrei cantato dal 19 al 23 Settembre 2011 nel Teatro Astra Caffè di Pesaro. Il resto è storia… Il Record di Maratona canora individuale è poi rimasto all’indiano, mentre il mio (101h, 59m e 15s) mi è stato assegnato come maratona di Karaoke più lunga del mondo (THE LONGEST KARAOKE MARATHON) in quanto per questioni di comodità, molto spesso leggevo i testi direttamente dal computer. Sono così andato a battere non l’amico indiano ma bensì un americano, il quale aveva un record di “soltanto” 49 ore… Quindi il consiglio che do è sempre quello di aspirare in alto e tentare (se io avessi avuto l’obiettivo delle 49 ore probabilmente alla cinquantunesima ora sarei crollato…) • Fra i tuoi scritti, ci sono alcuni che trattano del fenomeno dei viaggi astrali, puoi spiegarci meglio di cosa si tratta? Il Viaggio Astrale è per me inteso non come un Viaggio verso l’esterno del corpo ma bensì verso il suo Interno, nella Multidimensionalità dell’essere umano. Nei miei primi due libricini che di solito allego alla mia Musica propongo due percorsi: INCONTRO COL BAMBINO INTERIORE che ha a che fare con i problemi che noi stessi ci “inventiamo” e IL VIAGGIO NEL PALLONE, un esercizio per vedere quanto pesano i problemi che a volte gli altri ci buttano sulle nostre spalle. • Ti è mai capitato di confrontarti con qualche scettico riguardo tale pratica (del viaggio astrale)? Cosa gli risponderesti? Gli scettici solitamente mi tengono alla larga… • Invece cosa consiglieresti a chi come te vuole avvicinarsi a tale pratica non convenzionale? L’importante è essere ben centrati, sereni e con l’apertura mentale di un bambino. No ai sentimenti di bassa frequenza come l’odio, la rabbia, l’ansia, la paura… • Com’è nata la collaborazione con P.C. Adytia, recordman in campo cinematografico (100 corti girati in 100 giorni e un film di 100 minuti con 100 attori girato in sole 12 ore) e quanto è stato importante il vostro confronto i idee? Vincendo un Guinness World Record sono venuto in contatto con tanti altri personaggi straordinari, tra questi un regista indiano che ha richiesto le mie musiche per la colonna sonora del suo film intitolato “My Dad’s girl-friend”. Per ora ha preso delle mie musiche già esistenti, ma in futuro probabilmente scriverò Musiche ex-novo. Comunichiamo in inglese tramite email e Facebook, una grande comodità per le collaborazioni estere. • Nella breve descrizione di” Frequenze Benefiche” si afferma che il cd agisce specificatamente sullo sciogliere il dolore e quindi porta ad avere anche la mente più libera… L’effetto è amplificato da un buon utilizzo e conoscenza dei cristalli. Puoi spiegarci meglio il connubio musica-cristalli? Connubio musica-cristalli: c’è stato un periodo nel quale ero sempre a contatto col mondo dei minerali (Musica dall’Invisibile Volumi 5-6-7-8-9) ed ecco la mia constatazione principale: Musica e cristalli tendono ad amplificare a vicenda le loro grandi Proprietà, il loro giusto utilizzo migliora la qualità della Vita. • Da cosa prendi ispirazione per scrivere e suonare? Qualsiasi spunto è buono per fermare e trasformare un’ Emozione in Musica: una notte passata in un Castello, una frase sentita da uno sconosciuto o alla radio, una risata, una delusione… è molto bello quando da un evento apparentemente negativo scaturisce qualcosa di bello, simboleggia la trasmutazione alchemica. La prossima serie di 10 Cd si intitolerà “Music from Stargates”, ispirazioni da passato, presente, futuro e Universi paralleli. • Le quattro cose più importanti della tua vita (eccetto famiglia, amore, musica e scrittura)? Ok, mi hai tolto subito le 4 cose più importanti (e come facevi a saperlo???); vediamo… (1) il mio MAC – (2) la flora e la fauna terrestre – (3) i contatti con esseri extra-dimensionali – (4) i giocattoli. • Quale o quali messaggi vuoi trasmettere al mondo con le tue arti? Quando è il tuo Sé Superiore a tirare le redini è difficile rispondere in due parole… Di messaggi ne arrivano parecchi e, come già detto, molte volte non so neppure perché scrivo quel che scrivo… devo farlo e basta. Anche se viviamo in un pianeta dove la razza umana si sta autodistruggendo, da alcune mie canzoni arrivano messaggi di speranza e di conforto per le generazioni a venire, in generale sono messaggi ottimisti sulla Vita e soprattutto oltre la Vita conosciuta. • Fra i tuoi lavori si parla anche di leggende, come quella di Azzurrina, di ufo e come abbiamo già detto di “mondi invisibili”. Dunque da dove nasce la passione per il paranormale? Leggo tanto (vedi la sezione I LIBRI CHE HO LETTO del mio sito http://www.leonardopolverelli.eu) e il primo libro che mi ha spalancato un portone sulle dimensioni sconosciute è stato LA VITA OLTRE LA VITA del Dr.Moody che ho avuto il piacere di conoscere di persona. E poi quando sei ben centrato inizi ad attrarre tutto ciò che veramente ti interessa. Tra le tante cose che faccio mi ritrovo in pianta stabile alla regia e Musica del Convegno ULTIME NOTIZIE DAL FUTURO che si svolge puntualmente a Roma, il prossimo sarà il 9 e 10 Gennaio 2016 presso l’Hotel dei Congressi. • Ad un grande eclettico come te è rimasto qualcosa in sospeso che vorresti fare da grande? Tantissime cose e tutta questa Vita non mi basterà… Per ora sto iniziando a studiare il flauto traverso, poi domani è un altro giorno… . A distanza di quattro anni dal riconoscimento del Guinness World Record (THE LONGEST KARAOKE MARATHON, 19/23 Settembre 2011, 101h, 59min e 15sec) Leonardo Polverelli entra di diritto in altri prestigiosi siti e “Libri dei Records”, ricevendo nuovi Certificati provenienti dall’India e dal Nepal: -Guinness World Records -Assist World Records -Miracles World Records -Bharath World Records -International World Records Achievers Society (INWORAS) -Incredible Book of Records -Creative Records Nepal -Everest World Records -Universal World Records -Star World Records -World Records India -War of World Records Foundation -Sky Book of World Records

 

 

515M2BqSO9pwD6rm8x5YE8Yoso2WJHdGIVspHA2ER04

http://www.calabriainforma.com/cultura/musica/8408-play-boj-good-peolpe-playboj-e-il-nuovo-album PLAY BOJ & GOOD PEOLPE – PLAYBOJ PLAYBOJ è il nuovo disco della band Play Boj & Good People, uscito lo scorso 23 ottobre 2015 (TdEproductionZ/Zimbalam). Un album che spazia dal funky-rap al soul e dal jazz alla R&B, con qualche punta di blues, quasi tutto in inglese. E’ possibile acquistarlo su tutte le piattaforme streaming e in tutti i digital store. Il progetto Play Boj & Good People, nasce nel 2013 dall’incontro tra Bojana Krunic (voce), nota per la sua partecipazione a “The Voice” di Rai 2, il produttore Simone “Momo” Riva (Chitarra, sampling pad e batteria), Christian Curcio (chitarra e bouzouki, strumento greco della famiglia dei cordofori) e Chris Costa al basso. Le influenze musicali del gruppo vanno da James Brown a D’Angelo. In “Play Boj”, ci sono collaborazioni ecceziunali veramente! Dal flautista, nonché storico sassofonista di Prince, Eric Leeds al giovane cantante torinese Kiol, che duetta con la Krunic in “A Reason 2 Love U”, (primo singolo estratto già in rotazione). E ancora il duo elvetico degli Horndogz (tromba e sax), il violoncellista della Rai Stefano Blanc, Keith Anderson – sassofonista fra gli altri anche di Kanye West – , Dave Moretti (Torino) e la sua armonica. Ed è sempre italico il cantautore Stefano Frison che ha composto “Boom Boom Black”, a mio parere il pezzo più forte del disco. E’ potente come una bomba e la sua eleganza è degna delle più belle colonne sonore dei films. Intro di violoncello fantastica. Inoltre nel pezzo è come se l’anima sofferta di Boj uscisse fuori, seppur ben nascosta dalla durezza del pezzo denuncia, contro chi si vende esplicitamente pur di raggiungere i propri scopi. Bojana, nata a Begrad, Serbia ha alle spalle una famiglia di musicisti, che le hanno tramandato la passione per questo lavoro, che coltiva sin da piccola, nonostante un paese che rigetta la figura di donna-artista e non più solo madre e moglie. Tali ragioni, addizionate al clima di guerra serbo, fanno si che Boj trovi rifugio e sbocchi lavorativi in Italia. La voce morbida, potente, graffiante e delicata, rende Bojana davvero unica e versatile. Passa dalle note alte di “Le Us Be Loving”, cover di Alice Russell, alle blue-notes più basse come in “Spread Your Wings And Fly”, in cui esce fuori l’anima black della cantante. In un CD di 11 tracks, non poteva mancare quella in serbo, lingua madre della cantante. E’ “Nisi Sam”, grandioso ma breve flow funky-rap, che fa da “scissione concettuale” fra un ipotetico lato A e B dell’album. Da segnalare anche il brano “Sexy As Hell”, (lato A) con l’inconfondibile armonica di Dave Moretti. Altro brano assolutamente favoloso è “Smile”, qui scopriamo una Boj strong dall’anima sempre più nera e una Boj a tratti più delicata. Insomma disco da ascoltare assolutamente! Sia per gli amanti del genere e non. Chissà magari proprio questi ultimi potrebbero rimanere affascinati dal mondo black/funky!

basta-violenza-donne

http://www.calabriainforma.com/attualita/8407-25-novembre-2015-giornata-mondiale-contro-la-violenza-sulle-donne 25 NOVEMBRE 2015 – GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE La violenza sulle donne è antica come il mondo, ma oggi avremmo voluto sperare che una società avanzata, civile e democratica non nutrisse le cronache di abusi, omicidi e stupri. (Helga Schneider) Questa data è stata istituita nel 1999 dall’ONU, per sensibilizzare sempre di più l’opinione pubblica in merito ad un qualcosa che è in netto contrasto con la civiltà evoluta in cui viviamo, ma che la logora dall’interno come un cancro: LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE. (In Italia si iniziò a celebrare tale giornata solo dal 2005) La data è stata scelta in memoria delle tre sorelle Mirabal: Patria Mercedes, Maria Argentina Minerva e Antonia Maria, simbolo della rivoluzione femminile contro l’allora dittatore della Repubblica Dominicana, Rafael Leònidas. Il 25/11/1960 le tre donne andarono a trovare i loro mariti in carcere, ma gli fu impedito dagli agenti, fautori di inimmaginabili sevizie, che finito il massacro, gettarono le sorelle Mirabal da un dirupo. In questa giornata SONO NUMEROSE LE INIZIATIVE in programma in Italia, da nord a sud. A CATANZARO la Cisl Calabria fa sapere : <>. Inoltre anche la Fipav Calabria ha organizzato una iniziativa che coinvolgerà le 14 squadre in campo del turno infrasettimanale. Le giocatrici indosseranno una maglia bianca con la scritta rossa: “stop alla violenza sulle donne”. A NAPOLI è in programma una fiaccolata che percorrerà le vie del Vomero. A FIRENZE verrà inaugurata la mostra fotografica intitolata “Il filo che unisce”. A VENEZIA l’Umana Reyer società di pallacanestro, ha realizzato un video di sensibilizzazione in onore della giornata #StopViolenceAgainstWomen. Questo è link: [youtube https://www.youtube.com/watch?v=4SdPYea-0bs&w=560&h=315%5D A MILANO ci sarà un flashmob in cui verranno letti dei testi sul tema della giornata. Nei giorni a seguire ci sarà la “Women Run”, gara podistica, che partirà da Piazza San Babilia.

http://www.calabriainforma.com/cronaca/8400-isis-la-guerra-e-gia-iniziata-da-un-pezzo?hitcount=0

http://www.calabriainforma.com/cronaca/8400-isis-la-guerra-e-gia-iniziata-da-un-pezzo?hitcount=0  ISIS: la guerra è già iniziata da un pezzo! <>, fa sapere il gruppo di estremisti islamici in queste ore. Sette attentati in sette posti diversi in Francia, nell’identico istante. Un bilancio di 127 morti, solo 112 al teatro Bataclan. Inoltre 2 italiani sono rimasti feriti, mentre Valeria Solesin risulta scomparsa. Anche il presidente Holland, che ha proclamato 3 giorni di lutto nazionale, era presente durante uno dei sette scenari apocalittici, che riportano realmente immagini dello spettro sempre più reale di una guerra non imminente, ma già iniziata. Il Presidente francese in questi minuti ha fatto sapere che lunedì partirà per Versailles, dove si discuterà per prendere provvedimenti contro i terroristi che in queste ore continuano a minacciare Whashington, Londra ed i maggiori paesi europei. La Farnesina raccomanda: <>, meglio non partire all’estero per evitare eventuali altri attacchi. Direttamente dal ministero dell’interno, a Roma, Angelino Alfano fa sapere: <>. Ed è per questo che per tutta la notte si sono radunati il Comitato Nazionale Ordine e Sicurezza ed il Comitato Nazionale Strategico contro gli attacchi terroristici per diminuire il coefficiente di rischio di eventuali attacchi da parte dell’ISIS. E’ passato un anno dalla strage di Charlie Hebdo e dal primo gennaio questi sono i numeri dei controlli effettuati per allontanare la possibilità di stragi: 145 arresti 125 indagati 259 esiliati 8.493 veicoli controllati 55 espulsioni di estremisti islamici più una proprio questa mattina. Fino ad oggi le forze armate italiane, i miliari, l’intelligence, ce l’hanno fatta, ma conclude Alfano: <<L’Italia si deve tenere pronta per un’eventualità tragica come quella di Parigi>>

 

2 Gemelli Diversi in Tour... e non solo! - Shark&Groove e Greta di Amici - http://www.calabriainforma.com/attualita/8255-2-gemelli-diversi-in-tour-e-non-solo Quest’anno la cittadella di Bianco, in provincia di Reggio Calabria, per la vigilia di Ferragosto, ha regalato a tutti i suoi abitanti ed al flusso sempre maggiore di turisti che la visitano, una serata davvero indimenticabile, all’insegna del funk, del pop e del rap. La gente del posto e non solo, ha visto calcare il palco di Bianco da diversi artisti molto amati in tutta Italia, alcuni dei quali hanno giocato in casa. Grazie comune di Bianco! La serata è stata suddivisa in tre momenti musicali diversi fra loro… I primi ad esibirsi, i giovanissimi Shark & Groove, duo rap calabrese, finalista di Italia’s Got Talent 2015. Giuseppe Costanzo (21), in arte Shark, di Siderno e Antonio Callà (19), alias Groove, di Mammola, hanno portato per le vie del paese un po’ di sano rap. La loro musica non è fatta di classici beat, motivetti e qualche barra messa a caso qua e là; ma è ricca di di significati, piena zeppa di messaggi positivi, che non guastano mai. Soprattutto se nascono da due persone così giovani. Perché oggi come oggi, si crede che più le persone siano giovani e meno ci sia la prospettiva di una vita e un futuro migliori. Ma direi che Shark & Groove hanno totalmente sfatato questo mito, che ci perseguita dai tempi della Generazione X. Grandi artisti e grandi intrattenitori, lo scorso 28 maggio 2015, sono stati insigniti del premio “Agis Calabria”, dal presidente Aldo Stalteri. La cerimonia di premiazione si è svolta nell’aula magna dell’I.I.S. G. Marconi di Siderno. Shark scrive testi rap dall’età di 16 anni e Groove compone musica e suona la chitarra. Nonostante la vita non sia stata molto buona con loro, S&G non hanno mai smesso di fare rap e mai smetteranno. E meno male! Ecco il link per vedere tutti i video delle loro canzoni, come “Il mondo gira”. Che aspettate?! https://www.youtube.com/channel/UCLDSuRWVFh72oU3vXnMqIvQ E mentre ancora c’era l’eco un po’ urban-style del beat di S&G; il pubblico ha fatto un tuffo nel pop insieme a Greta Manunzi, direttamente da Amici 12. Lei e la sua chioma rosa, ci hanno accompagnato in uno mondo diverso, ma altrettanto strepitoso. Oltre ai suoi brani, come “Solo rumore”, Greta ci ha deliziato con cover dal sapore internazionale, tra le quali hits come “Try” di Pink e “Chandelier” di Sia. “Chioma rosa” ha saputo coinvolgere il pubblico come non mai: e brava Greta! La cantante seconda classificata del Talent Show firmato Maria De Filippi, ha all’attivo due album: “Solo rumore” (2013) e “Ad ogni costo” (2014). Ed infine loro: … 2 Gemelli Diversi in Tour! Eh si! Non è un errore di battitura… A calcare il palco di Bianco, solo Thema (Emanuele Bunsaghi) e Strano (Francesco Stranges), che dal 2014 hanno annunciato il loro tour in giro per l’Italia. Ma non preoccupatevi! Thema ha rivelato che il tempo trascorso dietro i riflettori cela un progetto futuro e che ben presto rivedremo la band al completo! I Gemelli Diversi cresciuti artisticamente con la “Spaghetti Funk”, (uno dei più importanti collettivi rap italiani, fondato da J-AX), vantano dischi di platino e uno d’oro, oltre ai riconoscimento come Migliore Band Italiana, e Best Italian Act agli MTV EMA 2003. Strano e Thema, con la loro energia e simpatia, hanno trascinato il pubblico, che per più di un’ora ha ballato e cantato a squarciagola, successi come “Mary”, “Fotoricordo” e “Tu corri” e rifatto con >, come dice Thema “Per farti sorridere”. >, spiega Emanuele. Poi un pensiero al padre scomparso di Strano. E poi ancora la folla in delirio, soprattutto quando Francesco Stranges, ha ricordato con cotanta fierezza le sue origini sanluchesi. >. A fine serata, 2 Gemelli, hanno voluto dire al pubblico, come dice Thema: > e cioè grazie per il calore che la gente ha saputo dare.

2 Gemelli Diversi in Tour… e non solo! – Shark&Groove e Greta di Amici –
http://www.calabriainforma.com/attualita/8255-2-gemelli-diversi-in-tour-e-non-solo
Quest’anno la cittadella di Bianco, in provincia di Reggio Calabria, per la vigilia di Ferragosto, ha regalato a tutti i suoi abitanti ed al flusso sempre maggiore di turisti che la visitano, una serata davvero indimenticabile, all’insegna del funk, del pop e del rap. La gente del posto e non solo, ha visto calcare il palco di Bianco da diversi artisti molto amati in tutta Italia, alcuni dei quali hanno giocato in casa. Grazie comune di Bianco! La serata è stata suddivisa in tre momenti musicali diversi fra loro… I primi ad esibirsi, i giovanissimi Shark & Groove, duo rap calabrese, finalista di Italia’s Got Talent 2015. Giuseppe Costanzo (21), in arte Shark, di Siderno e Antonio Callà (19), alias Groove, di Mammola, hanno portato per le vie del paese un po’ di sano rap. La loro musica non è fatta di classici beat, motivetti e qualche barra messa a caso qua e là; ma è ricca di di significati, piena zeppa di messaggi positivi, che non guastano mai. Soprattutto se nascono da due persone così giovani. Perché oggi come oggi, si crede che più le persone siano giovani e meno ci sia la prospettiva di una vita e un futuro migliori. Ma direi che Shark & Groove hanno totalmente sfatato questo mito, che ci perseguita dai tempi della Generazione X. Grandi artisti e grandi intrattenitori, lo scorso 28 maggio 2015, sono stati insigniti del premio “Agis Calabria”, dal presidente Aldo Stalteri. La cerimonia di premiazione si è svolta nell’aula magna dell’I.I.S. G. Marconi di Siderno. Shark scrive testi rap dall’età di 16 anni e Groove compone musica e suona la chitarra. Nonostante la vita non sia stata molto buona con loro, S&G non hanno mai smesso di fare rap e mai smetteranno. E meno male! Ecco il link per vedere tutti i video delle loro canzoni, come “Il mondo gira”. Che aspettate?! https://www.youtube.com/watch?v=70D09kaPPmc E mentre ancora c’era l’eco un po’ urban-style del beat di S&G; il pubblico ha fatto un tuffo nel pop insieme a Greta Manunzi, direttamente da Amici 12. Lei e la sua chioma rosa, ci hanno accompagnato in un mondo diverso, ma altrettanto strepitoso. Oltre ai suoi brani, come “Solo rumore”, Greta ci ha deliziato con cover dal sapore internazionale, tra le quali hits come “Try” di Pink e “Chandelier” di Sia. “Chioma rosa” ha saputo coinvolgere il pubblico come non mai: e bava Greta! La cantante seconda classificata del Talent Show firmato Maria De Filippi, ha all’attivo due album: “Solo rumore” (2013) e “Ad ogni costo” (2014). Ed infine loro: … 2 Gemelli Diversi in Tour! Eh si! Non è un errore di battitura… A calcare il palco di Bianco, solo Thema (Emanuele Bunsaghi) e Strano (Francesco Stranges), che dal 2014 hanno annunciato il loro tour in giro per l’Italia. Ma non preoccupatevi! Thema ha rivelato che il tempo trascorso dietro i riflettori cela un progetto futuro e che ben presto rivedremo la band al completo! I Gemelli Diversi cresciuti artisticamente con la “Spaghetti Funk”, (uno dei più importanti collettivi rap italiani, fondato da J-AX), vantano dischi di platino e uno d’oro, oltre ai riconoscimenti come Migliore Band Italiana e Best Italian Act agli MTV EMA 2003. Strano e Thema, con la loro energia e simpatia, hanno trascinato il pubblico, che per più di un’ora ha ballato e cantato a squarciagola, successi come “Mary”, “Fotoricordo” e “Tu corri” e rifatto con ritmi un po’ più dance, come dice Thema “Per farti sorridere”. Completamente diverso dal nostro stile, ma abbiamo deciso di tirarla fuori dopo un po’ di tempo e questa versione ci è piaciuta moltissimo, spiega Emanuele. Poi un pensiero al padre scomparso di Strano. E poi ancora la folla in delirio, soprattutto quando Francesco Stranges, ha ricordato con cotanta fierezza le sue origini sanluchesi. Ricordo che venivo a fare le vacanze a Bianco quando ero un ragazzino… e ritornarci ogni tanto per cantare è sempre una grande emozione. A fine serata, 2 Gemelli, hanno voluto dire al pubblico, come dice Thema: Una piccola parolina, la più semplice… e cioè grazie per il calore che la gente ha saputo dare.

Buon Go Skateboarding Day Rende! http://www.calabriainforma.com/attualita/8123-buon-go-skateboarding-day-rende Oggi 21 giugno, non è soltanto il solstizio d’estate, ma per praticanti dello sport urbano per eccellenza: lo skateboarding, una vera e propria festività. E la Calabria ospiterà per la prima volta il “Go Skateboarding Day” (GSD). Rende chiama a rapporto i diversi skatears presenti in tutta la regione, alla pista di pattinaggio Parco Robinson, per trascorrere insieme una giornata ricca di divertimento, musica e tanta allegria! Il Comune di Rende ha dato vita all’evento, mediante l’assessorato alla cultura “A Rizza”, in collaborazione con Cosenza Surfing, inserendo la giornata nell’ambito della programmazione “Restate a Rende 2015 “. La manifestazione ha origini lontane. Infatti è stata creata nel 2003 a New York da Steve Rodriguez, ma ufficialmente il primo vero GSD si è tenuto il 21 giugno 2004 nel sud della California, per concessione dell’Associazione Internazionale delle compagnie di skate, per far conoscere e diffondere questa affascinate cultura. Questo il programma della giornata: skate libero per tutto il giorno, dalle 12 alle 23. Dalle 17 alle 19 gli skaters si prenderanno la scena con le loro esibizioni libere, sfoderando i loro migliori trick. E tra le 21 e le 23 sarà il turno della musica, con un live showcase hip hop, con Tony Polo, Brigante, Lingue lunghe crew, Monkey Masa e Smeco.

Buon Go Skateboarding Day Rende!
http://www.calabriainforma.com/attualita/8123-buon-go-skateboarding-day-rende
Oggi 21 giugno, non è soltanto il solstizio d’estate, ma per praticanti dello sport urbano per eccellenza: lo skateboarding, una vera e propria festività. E la Calabria ospiterà per la prima volta il “Go Skateboarding Day” (GSD).
Rende chiama a rapporto i diversi skatears presenti in tutta la regione, alla pista di pattinaggio Parco Robinson, per trascorrere insieme una giornata ricca di divertimento, musica e tanta allegria!
Il Comune di Rende ha dato vita all’evento, mediante l’assessorato alla cultura “A Rizza”, in collaborazione con Cosenza Surfing, inserendo la giornata nell’ambito della programmazione “Restate a Rende 2015 “.
La manifestazione ha origini lontane. Infatti è stata creata nel 2003 a New York da Steve Rodriguez, ma ufficialmente il primo vero GSD si è tenuto il 21 giugno 2004 nel sud della California, per concessione dell’Associazione Internazionale delle compagnie di skate, per far conoscere e diffondere questa affascinate cultura.
Questo il programma della giornata: skate libero per tutto il giorno, dalle 12 alle 23. Dalle 17 alle 19 gli skaters si prenderanno la scena con le loro esibizioni libere, sfoderando i loro migliori trick. E tra le 21 e le 23 sarà il turno della musica, con un live showcase hip hop, con Tony Polo, Brigante, Lingue lunghe crew, Monkey Masa e Smeco.

Da Sanremo a Siderno: Anna Tatangelo In-store Tour http://www.calabriainforma.com/attualita/7703-da-sanremo-a-siderno-anna-tatangelo-%E2%80%93-in-store-tour.html Da Sanremo a Siderno: Anna Tatangelo – In-store tour Direttamente dal festival di Sanremo oggi 22 febbraio 2015 Anna Tatangelo approda al centro commerciale “La Gru” di Siderno, per il suo In-store tour; per presentare il suo ultimo lavoro: “Libera”, titolo omonimo dell’ oramai hit presentata in gara sul palco dell’Ariston e firmata da Francesco Silvestre, frontman dei Modà. L’album fuori dal 12 di febbraio contiene 14 brani, tra cui la cover dell’immenso Domenico Modugno “Dio come ti amo”, reinterpretata dalla cantante pop di fronte a milioni di telespettatori, nella città dei fiori, durante la serata dedicata alle cover. Impossibile contare i fans accorsi per fare una foto e ricevere un autografo del proprio idolo sul disco. La Tatangelo, che ricordiamo nella sua carriera tra tre dischi di platino e due dischi d’oro, esperienza di giudice ad X Factor nel 2010, trova anche il tempo per aiutare gli altri. E’ infatti una donna fortemente impegnata nel sociale: a testimoniarlo, la collaborazione con “Doppia Difesa”, associazione contro la violenza sulle donne assieme alle fondatrici Michelle Hunziker e Giulia Buon Giorno. Non sono previste date per il tour, ma attualmente sappiamo che Anna si butterà a capofitto in un’altra avventura. Il suo compagno di viaggio sarà Alvin, co-conduttore di Verissimo, con la regina del sabato pomeriggio, la Toffanin a condurre un nuovo format di Italia Uno “About Love”

Da Sanremo a Siderno: Anna Tatangelo In-store Tour
http://www.calabriainforma.com/attualita/7703-da-sanremo-a-siderno-anna-tatangelo-%E2%80%93-in-store-tour.html Da Sanremo a Siderno: Anna Tatangelo – In-store tour Direttamente dal festival di Sanremo oggi 22 febbraio 2015 Anna Tatangelo approda al centro commerciale “La Gru” di Siderno, per il suo In-store tour; per presentare il suo ultimo lavoro: “Libera”, titolo omonimo dell’ oramai hit presentata in gara sul palco dell’Ariston e firmata da Francesco Silvestre, frontman dei Modà. L’album fuori dal 12 di febbraio contiene 14 brani, tra cui la cover dell’immenso Domenico Modugno “Dio come ti amo”, reinterpretata dalla cantante pop di fronte a milioni di telespettatori, nella città dei fiori, durante la serata dedicata alle cover. Impossibile contare i fans accorsi per fare una foto e ricevere un autografo del proprio idolo sul disco. La Tatangelo, che ricordiamo nella sua carriera tra tre dischi di platino e due dischi d’oro, esperienza di giudice ad X Factor nel 2010, trova anche il tempo per aiutare gli altri. E’ infatti una donna fortemente impegnata nel sociale: a testimoniarlo, la collaborazione con “Doppia Difesa”, associazione contro la violenza sulle donne assieme alle fondatrici Michelle Hunziker e Giulia Buon Giorno. Non sono previste date per il tour, ma attualmente sappiamo che Anna si butterà a capofitto in un’altra avventura. Il suo compagno di viaggio sarà Alvin, co-conduttore di Verissimo, con la regina del sabato pomeriggio, la Toffanin a condurre un nuovo format di Italia Uno “About Love”

CHE PUZZA A POZZO!!http://www.calabriainforma.com/cronaca/7581-bovalino-rc-che-puzza-a-pozzo.html#

CHE PUZZA A POZZO!! http://www.calabriainforma.com/cronaca/7581-bovalino-rc-che-puzza-a-pozzo.html# Anno nuovo, Pozzo vecchio. E non solo… anche trascurato e lasciato in balia dei piccoli inconvenienti che possono capitare a qualsiasi paesino. Perdite d’acqua, qualche buca e abbondante spazzatura. Fin qua nulla di strano, se non fosse che… I cittadini della frazione di Bovalino (RC), si battono da anni affinché la situazione cambi e si possa vivere tranquillamente in un paese pulito e con tutti i servizi di cui ha bisogno la collettività. Non ce la si fa più ad uscire fuori di casa con questo idilliaco panorama. E che inebriante profumo. La qui citata perdita fognaria si stende nientepopodimeno che a partire a partire dalle scuole elementari del paese. Lascio immaginare a tutti voi lo sdegno dei genitori che si ritrovano puntualmente ad accompagnare i propri figlioletti ogni mattina attorniati da tale scenario. L’acqua dalle essenze diversamente profumate, scende giù fino alle casette degli abitanti; e da piccolo corso, sfocia in un gran bel ruscello, proprio in quello che da anni è il luogo di ritrovo di adolescenti, bambini e non solo: la piazzetta. Da sempre come da antica tradizione anche il luogo in cui si soleva fare l’ultimo saluto ai defunti del paese, cosa non più fattibile. Causa: la persistente spazzatura – che tra l’altro in estate, molto più che in inverno si unisce al delicato profumo della già citata perdita fognaria – la quale mista ad acque più chiare, risalenti alle perdite d’acqua perenni. Nonostante ciò, tutti sono obbligati a pagare le tasse – cosa completamente giusta – se non fosse che sono esageratamente gonfiate, per dei cittadini, che per la maggior parte sono senza lavoro, con la paura di Equitalia dietro l’angolo. Inoltre senza alcun servizio assicurato. E nonostante in questi anni ci siano stati consiglieri e sindaci originari della frazione stessa, Pozzo è stata sempre dimenticata e considerata un paese di serie B,anzi C. E nell’attesa che l’appello degli abitanti venga sentito, che possiamo dire? A buon intenditor poche parole.

Coppie gay che adottano un figlio: si o no?

Coppie gay che adottano un figlio: si o no? http://www.calabriainforma.com/attualita/7230-coppie-gay-che-adottano-un-figlio-si-o-no.html Siamo nel 2014. Era digitale, dei social network, dell’espansione dei media più che mai. Abbiamo sconfitto in tutto o in parte, il razzismo. Oggi non vi è quasi più distinzione di razza, sesso, religione, ideologia; insomma ognuno è libero di dire, fare, pensare ciò che vuole! (salvo, purtroppo è d’obbligo dirlo, i paesi in cui ancora vi è presente la guerra, la dittatura…). Ma allora, perché ci sbalordiamo ancora, quando leggiamo sui giornali, una notizia del genere… : IL GIUDICE HA CONCESSO L’ADOZIONE AD UNA COPPIA GAY? (Primo caso in Italia). Accade a Roma, dove il Tribunale per i minorenni ha riconosciuto ad una coppia gay l’adozione di una bimba, avuta anni fa all’estero, tramite procreazione assistita eterologa. La bimba è dunque la figlia biologica di una delle due donne, sposatesi all’estero precedentemente, che si sono affidate all’Associazione italiana avvocati famiglia e minori, per presentare ricorso per l’adozione. Ma tornando alla domanda… Forse, perché il 50% delle persone ha la mentalità troppo chiusa, forse, perché è un po’ razzista, ignorante… O forse, perché si pensa che l’Italia nono sia ancora pronta per certe cose… E se invece si cercasse di analizzare, quello che oramai è diventato un vero e proprio CASO MEDIATICO, da un altro punto di vista? E se invece, una fetta delle persone che credono fortemente non sia consono che la legge permetta un’adozione ad una coppia gay, non stia affatto giudicando il momento storico in cui è stata fatta? E’ ovvio che le due donne in questione non abbiano nulla da invidiare ad una coppia tradizionale, né nulla di meno al loro confronto, per quel che riguarda il modo di educare i figli. E’ certo che non mancheranno affetto, cure amorevoli e disciplina alla bimba. Su questo non ci piove. Ma il modo di pensare di alcuni è proiettato come dicevamo, non adesso, bensì nel futuro, quando qualsiasi bambina o bambino cresciuto da una coppia gay inizierà a frequentare la scuola materna, poi le elementari e così via… Tutti i genitori del mondo (coppie tradizionali e non) cercano per tutta la vita di proteggere i propri figli dalle cattiverie del mondo esterno. Ma è impossibile essere ovunque! Sono centinaia i racconti di adulti che ricordano un’infanzia segnata dai classici insulti del tipo: “ciccia-bomba” o “quattr’occhi”… Ecco, i bambini e gli adolescenti, nell’avere una tale spontaneità ed essendo privi di peli sulla lingua, potrebbero essere molto peggio nel caso di un bimbo cresciuto nelle condizioni sopracitate. (Sia chiaro: che sono migliori rispetto ad altri casi in cui i genitori, seppur di sesso diverso sono segnati da gravi problemi come l’alcool o la droga…). Fatto sta che il fardello o il marchio – che dir si voglia – che i piccoli dovranno portare non gli renderà la vita facile, anzi…! Non è bello essere derisi, denigrati, emarginati (magari per tutta la vita)! E’ anche vero che probabilmente tali insulti, potrebbero derivare da una cattiva educazione impartita a tali soggetti. I quali, che sia un bimbo sano, con genitori etero o non, o che sia diversamente abile, non facciano alcuna differenza. Dunque nessuno in questo mondo può giudicare le scelte ed i comportamenti di nessun altro, a meno che non sia un giudice, come in tal caso. L’unica cosa che rimane effettivamente nelle mani – si fa per dire – dell’opinione pubblica è il libero pensiero e la libera manifestazione di esso, che sia pro o che sia contro, non importa: l’essenziale è non offendere nessuno. E chissà se la sentenza, che ha stupito così tanto la nostra Penisola, non diventi routine oppure, rimanga un caso isolato. Ai posteri l’ardua sentenza…!

02http://www.calabriainforma.com/attualita/6611-attenti-dolci-arriva-vanessa-i-consigli-di-vanessa-su-come-tenersi-in-forma-divertendosi-a-fare-la-guerra-ai-dolci.html

Attenti dolci: arriva Vanessa! I consigli di Vanessa su come tenersi in forma divertendosi a fare la guerra ai dolci http://www.calabriainforma.com/attualita/6611-attenti-dolci-arriva-vanessa-i-consigli-di-vanessa-su-come-tenersi-in-forma-divertendosi-a-fare-la-guerra-ai-dolci.html Volete sapere che cosa combinava Vanessa durante il periodo più dolce dell’anno, ovvero quello di Natale? La giovane bovalinese racconta infatti che alla vista di torroni, cioccolatini e soprattutto marshmallow si è chiesta come utilizzarli in modo alternativo e divertente mantenendosi in forma… E così ha pensato bene di tentare un nuovo record mondiale, questa volta assolutamente diverso dal precedente. Un qualcosa di apparentemente facile e davvero molto, molto divertente. Basta munirsi di una caramella gommosa, rigorosamente di peso 3 g e diversi stuzzicadenti e poi… via al tempo! Tentativo dopo tentativo Vanessa Morabito è riuscita ad inserire in un marshmallow ben 42 stuzzicadenti in soli 30 secondi, 4 in più del precedente record che ne contava invece 38. Ha ripreso il tutto con una telecamera e direttamente da casa sua ha tentato il record. Poi il video amatoriale è stato caricato sul sito ufficiale del Guinness World Record e dopo circa un mese il giudice le ha dato risposta positiva: adesso è lei la detentrice del record più gustoso del mondo! Così Vanessa Morabito può adesso vantare di essere detentrice di ben due record, il primo che ricordiamo “maggior numero di parole pronunciate in un minuto in italiano”, soffiato allo showmen Paolo Bonolis, il secondo, ben differente, simpatico e spiritoso (se non ti punzecchi le dita!), ma altrettanto impegnativo. E non è finita qui! La giovane affinando e anche un po’ rivoluzionando la tecnica per battere il suddetto record è stata addirittura oggetto delle discussioni del team londinese, il quale ha ritenuto opportuno apportare delle modifiche al regolamento ufficiale, nel quale sono riportate le linee guida da seguire per tentare il record. Infatti quest’ ultimo, è stato ritenuto impreciso ed ormai obsoleto, poiché in principio era quasi impossibile superarlo, dato che il peso degli stuzzicadenti induceva la caramella gommosa a cadere sul piano gioco, invalidando il tentativo . Così Vanessa ha deciso di posizionare il dolce americano in modo obliquo, rispetto a tutti gli altri precedenti detentori: in questo modo ha facilitato l’inserimento degli stuzzicadenti, riuscendo brillantemente nell’impresa.

Merry Christmas to Bovalino http://www.calabriainforma.com/attualita/6159-merry-christmas-to-bovalino.html Meno 3 a Natale! Nella piccola città di Bovalino già da un po’ si respira aria di festa, soprattutto in piazza Camillo Costanzo: albero decorato, luci scintillanti e qualcosa in più. Per l’occasione si è infatti trasformata nel villaggio di Babbo Natale dove vi era uno sfondo natalizio fatto di colori, sapori e profumi per aspettare in allegria la festa che verrà. Inutile dire qual è stato il tema dominante. Tra decorazioni per gli abeti, quali palline in vetro decorate e ghirlande da appendere al portone di casa, ai presepi raffiguranti la natività originali ed insoliti. Infatti i classici personaggi erano esposti in ceste fatte a mano o anfore dipinte. Ed ancora in occasione del cenone originali centro tavola ricamati a mano. Qualche idea per i piatti da preparare è stata suggerita dagli stand riguardanti i cibi tipici della nostra terra, perfetti per gli antipasti, i primi piatti e non solo. Immancabili poi le numerose idee regalo per tutti i gusti: dalle classiche sciarpe agli orecchini e le collane in macramè, ai quadretti in legno o ricamati da appendere nelle proprie case e fantastiche creazioni in lana o con le pietre. Tutto ciò creato da abitanti di Bovalino e non solo geniali e creativi, che stavolta hanno trasformato “Artigianato e dintorni” versione natalizia. Ma il Natale, si sa è soprattutto la festa dei più piccoli, i quali hanno avuto l’opportunità di parlare direttamente all’ allegro vecchietto vestito di rosso, esprimendo i loro desideri e facendo le loro richieste. I bambini, uno dopo l’altro in attesa di sedersi sulle ginocchia di Babbo Natale e magari anche immortalare questo momento con una foto.

Merry Christmas to Bovalino http://www.calabriainforma.com/attualita/6159-merry-christmas-to-bovalino.html
Meno 3 a Natale! Nella piccola città di Bovalino già da un po’ si respira aria di festa, soprattutto in piazza Camillo Costanzo: albero decorato, luci scintillanti e qualcosa in più. Per l’occasione si è infatti trasformata nel villaggio di Babbo Natale dove vi era uno sfondo natalizio fatto di colori, sapori e profumi per aspettare in allegria la festa che verrà. Inutile dire qual è stato il tema dominante. Tra decorazioni per gli abeti, quali palline in vetro decorate e ghirlande da appendere al portone di casa, ai presepi raffiguranti la natività originali ed insoliti. Infatti i classici personaggi erano esposti in ceste fatte a mano o anfore dipinte. Ed ancora in occasione del cenone originali centro tavola ricamati a mano. Qualche idea per i piatti da preparare è stata suggerita dagli stand riguardanti i cibi tipici della nostra terra, perfetti per gli antipasti, i primi piatti e non solo. Immancabili poi le numerose idee regalo per tutti i gusti: dalle classiche sciarpe agli orecchini e le collane in macramè, ai quadretti in legno o ricamati da appendere nelle proprie case e fantastiche creazioni in lana o con le pietre. Tutto ciò creato da abitanti di Bovalino e non solo geniali e creativi, che stavolta hanno trasformato “Artigianato e dintorni” versione natalizia.
Ma il Natale, si sa è soprattutto la festa dei più piccoli, i quali hanno avuto l’opportunità di parlare direttamente all’ allegro vecchietto vestito di rosso, esprimendo i loro desideri e facendo le loro richieste. I bambini, uno dopo l’altro in attesa di sedersi sulle ginocchia di Babbo Natale e magari anche immortalare questo momento con una foto.

Rollinghttp://www.calabriainforma.com/cultura/musica/5983-happy-birthday-rolling-stones-solo-domani-5-dicembre-al-cinema.html Stones Day2

Happy birthday Rolling Stones – solo domani 5 dicembre al cinema http://www.calabriainforma.com/cultura/musica/5983-happy-birthday-rolling-stones-solo-domani-5-dicembre-al-cinema.html Diverse città calabresi – e non solo – si tingono di rosso, bianco e nero, proprio come il logo dell’irriverente linguaccia della più famosa e longeva rock band degli ultimi decenni: The Rolling Stones, che compie ben 50 anni! Dunque quale modo migliore per festeggiarli che trasmettere nelle sale di alcune delle città più importanti d’Italia il loro ultimo concerto del 2013 all’ Hyde Park di Londra? The Rolling Stones Day, questo il titolo dell’iniziativa. Un evento unico, infatti la proiezione avverrà solo ed esclusivamente giovedì 5 dicembre. Un’imperdibile occasione per chi non ha potuto assistere alla tappa di maggior importanza del tour Sweet Summer Sun. O magari la possibilità di rivivere in alta definizione l’emozione che solo i “brutti, sporchi e cattivi”, come amavano definirsi agli esordi della loro carriera sanno fare. Mick Jagger, Keith Richards, Ronnie Wood, Charlie Watts e lo storico chitarrista Mick Taylor, hanno scelto proprio un luogo ritenuto sacro, in quanto il medesimo in cui vi fu la leggendaria performance nel 1969. Già 44 anni prima c’era un’infinità di gente, ma adesso sotto i cieli londinesi ben 100.000 persone! L’attesissima proiezione inizierà con una magistrale lezione di rock per comprendere ancora meglio quello che è il mito dei Rolling Stones. Non solo una rock band, ma un gruppo di ragazzi che hanno letteralmente stravolto il modo di fare rock ‘n roll. I maestri d’eccezione sono Gino Castaldo ed Ernesto Assante, due critici musicali e conduttori radiofonici, da sempre divulgatori di buona musica. Nel 2005 hanno dato vita a “Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica”, che si tiene a Roma e a Bari. Appuntamento ormai imperdibile per decine di persone. Attraverso questi incontri pubblici Castaldo e Assante raccontano con immagini e documentari le personalità che sono diventate le pietre miliari del rock. Reggio Calabria, Catanzaro, Lamezia Terme, Zumpano e Cosenza sono le città privilegiate che potranno assistere all’evento rock dell’anno. Che dire! Buona visione, buon divertimento e soprattutto… Peace, Love and Rock!

Bovalino: Vanessa Morabito ad

Bovalino: Vanessa Morabito ad “Avanti un altro! Pure di domenica…!
http://www.calabriainforma.com/cronaca/5767-bovalino-vanessa-morabito-ad-avanti-un-altro-pure-di-domenica.html
La bovalinese Vanessa Morabito dopo aver sottratto il record mondiale al noto conduttore Paolo Bonolis, lo incontrerà proprio nel suo pre serale “Avanti un altro! Pure di domenica…” il 17 novembre 2013. Eh si, perché lo speciale di fine settimana, che di consueto tratta diversi temi, questa volta sarà dedicato ai record. E lei presenterà il suo, ovvero: “maggior numero di parole pronunciate in un minuto in italiano”, (ben 380); ottenuto lo scorso 8 febbraio del 2012 a dispetto delle 332 del precedente detentore.
Così Vanessa a distanza di vari mesi da quando riuscì a ad ottenere il primato, come ben sappiamo al Parco Commerciale La Galleria, con un insegnante di lingua italiana, dei testimoni, giornalisti, cronometristi e il tutto ripreso dalle telecamere raddoppia la sua soddisfazione: prima viene insignita del Guinness World Record ed ora si ritrova faccia a faccia con Paolo Bonolis, il suo presentatore preferito che da sempre sognava di incontrare. Ma non è solo lei ad esserne orgogliosa, lo è tutta la Calabria, che può vantare una corregionale da Guinnes Word Record!

La Bovalino che ci piace: Al via il mercatino dell'artigianato http://www.calabriainforma.com/cronaca/5725-la-bovalino-che-ci-piace-al-via-il-mercatino-dell-artigianato.html Trionfo di idee, armonia e originalità domenica a Bovalino, dove la piazza Camillo Costanzo si è trasformata in una vera e propria esposizione di creatività. A questa manifestazione hanno preso parte non solo i cittadini stessi di Bovalino, ma anche persone provenienti da altri paesi, i quali hanno messo in mostra le loro doti. Tutti insieme alla Pro Loco di Bovalino, hanno dato vita ad: “Artigianato e dintorni”. I partecipanti hanno esposto nei loro stand una varietà di prodotti: dalle creazioni rigorosamente realizzate a mano, ai sapori di Calabria. Sono davvero riusciti a trasformare semplici oggetti come ad esempio anonime pietre o del legno in vere e proprie opere d’arte: oggetti per la casa, utensili e quant’altro. E ancora: collane, bracciali ed orecchini coloratissimi ed originali, realizzati con materiali differenti tra loro. E c’era posto ovviamente anche per i ricami fatti dalle mani di fata calabresi, che sembrano usare l’uncinetto non come tale, bensì come un pennello. E per i più piccoli tanta allegria e divertimento con i ragazzi dell’animazione ed il clown, che tra giochi e palloncini colorati hanno saputo strappare diversi sorrisi ai bambini. Ma non finisce qui! Per i palati più raffinati vi erano infatti, stand dedicati alla cucina, grazie ai quali si sono potute assaporare le delizie della nostra terra. A fine serata la visita del sindaco ha ufficializzato quello che sarà un appuntamento mensile. Insomma, questa è la Bovalino che ci piace vedere: accogliente, tradizionale e allo stesso tempo innovativa, ma soprattutto capace di mettersi in gioco proponendo sempre qualcosa di estremamente piacevole e coinvolgente.

La Bovalino che ci piace: Al via il mercatino dell’artigianato http://www.calabriainforma.com/cronaca/5725-la-bovalino-che-ci-piace-al-via-il-mercatino-dell-artigianato.html
Trionfo di idee, armonia e originalità domenica a Bovalino, dove la piazza Camillo Costanzo si è trasformata in una vera e propria esposizione di creatività. A questa manifestazione hanno preso parte non solo i cittadini stessi di Bovalino, ma anche persone provenienti da altri paesi, i quali hanno messo in mostra le loro doti. Tutti insieme alla Pro Loco di Bovalino, hanno dato vita ad: “Artigianato e dintorni”. I partecipanti hanno esposto nei loro stand una varietà di prodotti: dalle creazioni rigorosamente realizzate a mano, ai sapori di Calabria.
Sono davvero riusciti a trasformare semplici oggetti come ad esempio anonime pietre o del legno in vere e proprie opere d’arte: oggetti per la casa, utensili e quant’altro. E ancora: collane, bracciali ed orecchini coloratissimi ed originali, realizzati con materiali differenti tra loro. E c’era posto ovviamente anche per i ricami fatti dalle mani di fata calabresi, che sembrano usare l’uncinetto non come tale, bensì come un pennello. E per i più piccoli tanta allegria e divertimento con i ragazzi dell’animazione ed il clown, che tra giochi e palloncini colorati hanno saputo strappare diversi sorrisi ai bambini. Ma non finisce qui! Per i palati più raffinati vi erano infatti, stand dedicati alla cucina, grazie ai quali si sono potute assaporare le delizie della nostra terra. A fine serata la visita del sindaco ha ufficializzato quello che sarà un appuntamento mensile.
Insomma, questa è la Bovalino che ci piace vedere: accogliente, tradizionale e allo stesso tempo innovativa, ma soprattutto capace di mettersi in gioco proponendo sempre qualcosa di estremamente piacevole e coinvolgente.

Ogni commento è prezioso!! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...